31 luglio 2014

Le stazioni metro di Fermi, Porta Susa, Porta Nuova e Lingotto sono dotate di defibrillatore

Defibrillatore posizionato in una stazione metro

Defibrillatore posizionato in una stazione metro

TORINO. Da alcuni giorni, la metropolitana di Torino è cardioprotetta. Sono stati posizionati quattro defibrillatori semi-automatici nelle stazioni metro di Fermi, Porta Susa, Porta Nuova e Lingotto. I defibrillatori, sono stati acquistati grazie  all’avanzo di gestione del IX Congresso Nazionale Società Italiana Sistema 118, svoltosi a Torino nel 2011, e con il contributo dell’azienda Progetti Srl al fine di migliorare l’assistenza sanitaria agli utenti della metropolitana di Torino.
La Regione Piemonte, l’Assessorato Tutela Salute e Sanità, la Città di Torino, la  A.O.U. la Città della Salute e della Scienza di Torino, il Dipartimento Interaziendale Emergenza Sanitaria 118 Regione Piemonte, la Società Italiana Sistema 118, il GTT, l’ANPAS e la Croce Rossa Italiana hanno voluto dare, in tal modo, un ulteriore impulso al potenziamento della rete cittadina per la defibrillazione precoce. [Leggi]

Tutela della salute e accesso alle cure, i nuovi dati Istat

Ambulanze pronte per i soccorsi

Ambulanze pronte per i soccorsi

ROMA. La popolazione italiana,  dato che le patologie  croniche sono sempre più diffuse, è una popolazione che invecchia.  Rispetto al 2005, vi è un netto miglioramento nello stato di salute fisico: diminuiscono malattie respiratorie croniche e artrosi  mentre aumentano tumori maligni, Alzheimer e demenze senili anche perché c’è maggiore capacità di riconoscere le malattie. L’Istat ha pubblicato un nuovo rapporto statistico sulla salute. Ecco i principali risultati.  [Leggi]

Azzardo: un video per raccontare ai giovani i rischi del gioco

Una giocatrice d'azzardo

Una giocatrice d’azzardo

ROMA. In Emilia Romagna sarà diffuso a cura dell’associazione “Associati di chiarezza”, un bando di concorso per sensibilizzare i giovani sui rischi dell’azzardo.

IL BANDO DI CONCORSO - Il bando è rivolto alle scuole e i giovani  di età compresa tra i 14 e 35 anni e invita a raccontare per immagini, con la realizzazione di un video (spot, videoclip, intervista), le conseguenze dell’azzardo compulsivo. Il bando con scadenza il 30 Novembre 2014 sarà diffuso in tutta la regione, posizionata al quarto posto in Italia per il fatturato del gioco d’azzardo. [Leggi]

Malattie rare: collaborare insieme sulle frontiere della cura e della ricerca

Foto scattata durante workshop

Foto scattata durante workshop

Roma. Si è tenuto lo scorso 6 Giugno a Roma un Workshop, promosso dalla Federazione Italiana Malattie Rare, sull’importanza della qualità e l’accesso alle informazioni da parte del malato e il suo coinvolgimento nelle scelte di diagnosi, di cure sperimentali e nel lavoro di squadra con il clinico e il ricercatore. [Leggi]

Sangue, domani la giornata mondiale. Il 2014 è l’anno dell’accreditamento

Giornata mondiale del sangue

Giornata mondiale del sangue

FIRENZE. “Ringrazio i donatori e le associazioni per la loro generosità per il loro impegno, per la fiducia che ripongono affidando a noi il loro preziosissimo dono. Voglio anche invitarli a continuare a donare, soprattutto ora, alla vigilia dell’estate, quando tradizionalmente il bisogno di sangue aumenta e le donazioni invece calano”. In occasione della Giornata dei donatori di sangue, che si celebra in tutto il mondo domani, sabato 14 giugno, l’assessore al diritto alla salute Luigi Marroni rivolge un ringraziamento ai donatori, ma anche un appello a donare: sempre, ma in particolare nel periodo estivo. [Leggi]

Per Natale niente strenne, ma defibrillatori

ph. Ele G. (cc flickr)

ph. Ele G. (cc flickr)

FIRENZE. Non strenne, ma defibrillatori. E’ la scelta compiuta dalla ditta ‘Frosini Giuliano’ di Signa che, grazie anche all’impegno dei volontari delle Misericordie e in collaborazione con i comuni e le istituzioni scolastiche del territorio, consentirà di dotare sei scuole di Signa e Lastra a Signa di colonnine defibrillatore. [Leggi]

Ricerca del Censis sull’insufficienza renale: il trapianto è più vantaggioso ed economico della dialisi

Un trapianto di rene

Un trapianto di rene

ROMA. Il trapianto di rene è, com’è noto, la terapia d’elezione per l’insufficienza renale terminale. Ma si dimostra anche il trattamento più economico. Il costo medio complessivo di un paziente trapiantato per il Sistema sanitario nazionale è di 95.247 euro in un periodo di tre anni, contro i 123.081 euro stimati nello stesso arco di tempo per un paziente non trapiantato e sottoposto a dialisi. Il costo del trapianto è cioè inferiore del 29,2%. [Leggi]