Europa, nasce integruppo terzo settore. Da Lucca a Bruxelles

BRUXELLES. Dopo l’Italia, anche il parlamento europeo avrà un intergruppo del terzo settore. Ad annunciarlo, lo scorso settembre, fu il presidente del gruppo Pse al parlamento europeo Gianni Pittella. “Lavorerò per creare l’intergruppo e i primi obiettivi che cercheremo di raggiungere saranno l’abbattimento dell’Iva per il non profit e la detassazione sulle donazione”, disse l’europarlamentare intervenendo al seminario di formazione civile ‘L’essenziale è invisibile agli occhi’, promosso dal Centro nazionale per il volontariato (Cnv) insieme alla Fondazione volontariato e partecipazione (Fvp). A cinque mesi di distanza l’obiettivo è stato raggiunto. Lo ha annunciato lo stesso Pittella in un tweet.

Una notizia accolta con soddisfazione sia dal presidente del Cnv Edoardo Patriarca (che come deputato fa parte dell’integruppo italiano del terzo settore) sia dal portavoce del Forum del terzo settore Pietro Barbieri. “L’intergruppo, che va ad integrare quello sulla Economia Sociale che si era ricostituito lo scorso 17 dicembre – commenta Barbieri – è la risposta positiva ad un’azione collettiva che stiamo portando avanti da tempo insieme ai nostri associati. Vediamo in questo allargamento una legittimazione alla necessità di dare impulso anche alla dimensione europea ed internazionale del terzo settore”.

@gitesta

Print Friendly