martello

#FdV2019 | Feliciana Farnese al Festival: rappresenterà migliaia di giovani volontari in servizio

LUCCA. “Giovani, Europa, Solidarietà” è il titolo del dialogo del Festival Italiano del Volontariato che si svolgerà sabato 11 maggio alle ore 9:15 a Lucca in Piazza Napoleone nella tensostruttura appositamente allestita per ospitare le conferenze del Festival. Con queste tre parole chiave non poteva mancare il contributo di Feliciana Farnese, Rappresentante Nazionale degli Operatori Volontari in Servizio in rappresentanza delle istanze degli oltre 50mila volontari attualmente in servizio che si muovono nel delicato passaggio al mondo del lavoro attraverso l’esperienza del Servizio Civile.

Il protagonismo giovanile e le opportunità di inserimento nel mondo occupazionale saranno esaminati e fotografati dalla visione immediata e diretta della Rappresentante Nazionale campana. Eletta nell’ambito della XVI Assemblea Nazionale dei Rappresenti e dei Delegati regionali dei volontari in servizio civile, parteciperà in Rappresentanza degli oltre 50 mila giovani volontari in servizio.

I Rappresentanti Nazionali, eletti in assemblea nazionale, sono nominati dall’autorità politica membri della Consulta Nazionale per il Servizio Civile quale organismo permanente di confronto tra il Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale e i volontari in servizio civile.
I Rappresentanti Nazionali hanno pertanto il compito di sottoporre al Dipartimento le istanze dei giovani impegnati nelle attività di servizio civile inerenti i diversi settori di attuazione dei progetti: assistenza, protezione civile, tutela dell’ambiente, valorizzazione del patrimonio artistico e culturale, educazione e promozione culturale, il servizio civile all’estero.

Feliciana, insieme agli altri Rappresentanti Nazionali, gli attuali e quelli che si sono avvicendati negli anni, ha contribuito all’istituzione della Rappresentanza degli Operatori volontari in Servizio Civile con l’art.9 del Dlgs. N. 40/2017, alla riduzione dell’orario di servizio dalle iniziali 30/36 ore settimanali alle attualmente previste di 25 che la riforma recepisce, alle nuove disposizioni concernenti la disciplina enti-volontari che prevedono il riconoscimento di nuovi permessi speciali ai volontari e maggiori tutele alle volontarie in maternità.

 

@VolontariatOggi

Print Friendly