Forum Toscano del Terzo settore: nominato l’esecutivo

Vincenzo Striano (foto G. Testa)

Vincenzo Striano (foto G. Testa)

FIRENZE. E’ stato nominato il nuovo Coordinamento esecutivo del Forum Toscano del Terzo Settore, che risulta così composto: Claudia Bruni (Confederazione Italiana delle Misericordie), Gianluca Testa (CNV), Filippo Panti (AGESCI Toscana), Eleonora Vanni (Legacoop Toscana), Silvia Battini (Legambiente Toscana), Lorenzo Terzani (Federsolidarietà/Confcooperative). Questa struttura affiancherà il Portavoce del Forum Toscano Vincenzo Striano.

“Facciamo presente -scrive il Forum- che la proposta prevede due rappresentanti per volontariato, due per Aps e due per cooperazione sociale. In relazione alle questioni di genere non c’è stato nessun riferimento a quote, ma è positivo segnalare che in maniera naturale si arriva ad un organismo che vede uguale rappresentanza di donne e uomini”.

Il Forum Toscano in questi anni ha visto crescere il proprio impegno e si sono moltiplicate le occasioni di collaborare con le istituzioni pubbliche, in particolare con la Regione Toscana, con la quale è stato sottoscritto un protocollo d’intesa. Recentemente il Forum ha anche aderito a REVES, Rete Europea delle Città e delle Regioni dell’Economia sociale, con l’obiettivo di avviare rapporti e collaborazioni con altre realtà europee del sociale.

Vincenzo Striano, Portavoce del Forum Toscano, dichiara che “queste nomine completano l’iter di definizione del Forum Toscano e sono il segno più evidente di una collaborazione trasversale tra il mondo del terzo settore. Riescono a trovare fondamentali motivi di collaborazione strutture assai diverse per orientamento politico e culturale”.

“Non scordiamoci -aggiunge Striano- che l’esistenza di una rete diffusissima di associazionismo, volontariato e impresa sociale è una delle caratteristiche peculiari della Toscana. Che questo mondo senta il bisogno di collaborare è una garanzia di tenuta del tessuto sociale di questa regione. Rimane purtroppo l’impressione condivisa da tutti i componenti del Forum di una sottovalutazione da parte del mondo politico delle funzioni importanti, particolarmente in un momento di crisi come l’attuale, che questo settore può svolgere. Comunque il ruolo del terzo settore, che tutti gli indici segnalano fortemente gradito da parte della popolazione, è destinato a crescere enormemente nei prossimi anni”.

Print Friendly