Granelli (CSVnet) sul modello Eas: “Due settimane sono poche…”

Marco Granelli (foto G.Testa)

Marco Granelli (foto G.Testa)

ROMA. “Riteniamo comunque positiva la proroga decisa dall’Agenzia delle Entrate, anche se i quindici giorni concessi sono davvero pochi in particolare se si confrontano ai quattro mesi accordati per lo scudo fiscale”, ha commentato Marco Granelli, presidente di CSVnet, a seguito della notizia della proroga dell’Agenzia delle Entrate sulla consegna del modello Eas.

“Avremmo auspicato più tempo e maggiori semplificazioni, necessarie ad assolvere un adempimento complesso e burocratico, spesso sconosciuto e gravoso per le conseguenze che comporta. Il valore riconosciuto al volontariato, anche nelle parole pronunciate in questi giorni dal Capo dello Stato e dal Ministro Sacconi, dovrebbero portare un’attenzione maggiore a chi, quotidianamente, si spende gratuitamente per il bene comune. I Centri di Servizio per il Volontariato continuano ad essere a disposizione in modo capillare per tutte le associazioni che ne hanno bisogno e auspichiamo una maggiore attenzione informativa e diffusione da tutti gli organi di stampa” conclude Granelli.

Ad oggi sono 5.500 le associazioni che hanno avuto un aiuto concreto dai CSV, grazie all’attivazione di 150 sportelli dedicati.

I CSV hanno curato direttamente l’invio telematico del modello Eas per circa 1.500 associazioni, anche grazie all’accordo di CSVnet con i Caf delle Acli, mentre gli altri 4.000 hanno usufruito dei servizi di consulenza per la compilazione offerti da tutti i CSV sparsi sul territorio nazionale.

(c.s.)

Print Friendly