Lasciti solidali, pensiamo ai bambini

MILANO. Chi immagina un mondo in cui tutti i bambini siano liberi di giocare, studiare e crescere per costruirsi il proprio futuro, deve sapere che – per realizzare un mondo così – può fare qualcosa di molto importante: un lascito. In occasione della Giornata Internazionale dei Lasciti, che ricorre il 13 Settembre, la Fondazione Mission Bambini lancia un appello a quanti desiderano dare un contributo importante per realizzare progetti articolati e duraturi nel tempo, che abbiano un impatto positivo sulla vita quotidiana dei bambini e sul loro futuro. In Kenya ad esempio, nel distretto di Bomet grazie ad un lascito la Fondazione sta dando la possibilità di andare a scuola a 20 bambini orfani o abbandonati.

“Abbiamo 15 anni di esperienza nell’aiuto all’infanzia in difficoltà, in Italia e nel mondo – dichiara Goffredo Modena, Presidente di Mission Bambini. In questi anni abbiamo fatto molto: penso agli oltre 1.400 bambini nati cardiopatici a cui abbiamo salvato la vita con un’operazione, alle decine di migliaia di bambini a cui abbiamo dato l’opportunità di andare a scuola o di ricevere un’alimentazione adeguata. Penso agli oltre 90 nidi che abbiamo contribuito ad aprire in Italia, ai giovani che abbiamo aiutato nello studio o nel lavoro. E penso a quello che ancora desideriamo fare, con l’aiuto di tutti”.

La possibilità di donare una parte del proprio patrimonio a favore di cause benefiche non lede i diritti dei familiari, ben garantiti dall’ordinamento giuridico italiano che prevede la “quota legittima”: a seconda della composizione del nucleo familiare, è definita la quota/ parte che per legge spetta a ciascun erede anche contro la volontà del testatore. Esiste poi la cosiddetta “quota disponibile”, che facendo testamento è possibile destinare ad un ente come la Fondazione Mission Bambini, attraverso un lascito.

Non solo lasciti. Un’altra modalità per aiutare l’infanzia in difficoltà è quella delle “donazioni in memoria”, per cui non servono atti formali o l’assistenza di un notaio. In concomitanza della scomparsa di una persona cara, con una donazione in memoria la si può ricordare facendo del bene a chi ha bisogno. “Paola era la nostra migliore amica – raccontano Loretta e Slai. Era un’insegnante brava e serena e alla scuola ha dedicato tanto. Era generosa e aveva attivato con la Fondazione Mission Bambini alcune adozioni a distanza a favore di bambini in difficoltà, per aiutarli nel loro percorso di studi. Subito dopo la sua scomparsa, il marito e il figlio ci hanno chiesto di aiutarli ad indirizzare le offerte benefiche fatte in suo ricordo. Sentita la Fondazione, abbiamo ritenuto di destinarle al progetto “Prima la scuola!” in Italia, che offre un sostegno allo studio per ragazzi con svantaggio socio-economico o di altro genere. Per tutti noi ora, è come se fosse proprio la nostra amica Paola a sedersi accanto a loro per aiutarli a superare le difficoltà”.

Per maggiori informazioni o per ricevere la “Guida gratuita ai Lasciti”, realizzata da Mission Bambini con il Patrocinio del Consiglio Nazionale del Notariato, è possibile contattare la Fondazione Mission Bambini: tel. 02 2100241, www.missionbambini.org.

@VolontariatOggi

Print Friendly