#FdV2019 | Lucca è pronta a “ricucire”: arriva il Festival del Volontariato

LUCCA.  La città di Lucca è pronta a “ricucire“, ospitando una nuova edizione del Festival del Volontariato: la festa della solidarietà sarà ancora una volta in piazza Piazza Napoleone e proporrà nei giorni 10, 11 e 12 maggio 70 iniziative fra convegni, laboratori, dimostrazioni e attività di animazione. Tutte sotto il titolo di “Ricucire”, riferito ai legami e alla coesione sociale. A presentare l’evento sono stati questa mattina (lunedì 6 maggio), nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta nella sede del Centro Nazionale per il Volontariato (Cnv), il presidente del Cnv Pier Giorgio Licheri e il presidente della Fondazione Volontariato e Partecipazione (Fvp) Alessandro Bianchini, alla presenza del sindaco di Lucca Alessandro Tambellini e delle curatrici del Festival della Risata Erika Citti e Elisa D’Agostino.

Gli eventi si terranno nella piazza, nella tensostruttura allestita e in alcune sale di Palazzo Ducale. Il Festival del Volontariato è organizzato dal Cnv e dalla Fvp, con il sostegno di diverse realtà fra cui la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e il Cesvot e conta sulla partecipazione di numerose realtà a livello nazionale e locale. Con tali realtà il Cnv ha lavorato in questi mesi per costruire il programma culturale e di animazione della manifestazione.

“Un ringraziamento -ha esordito il presidente Licheri- voglio rivolgerlo subito a tutte le centinaia di volontari che danno una mano all’organizzazione dell’evento. Senza il loro apporto il Festival non potrebbe esistere e sono loro, con l’esempio che danno in piazza, a rappresentare un punto di riferimento per la cittadinanza che in quei giorni si avvicina al volontariato. ‘Ricucire’ per noi significa abbattere i muri, riparare gli strappi e le divisioni che in questa fase storica caratterizzano troppo le relazioni fra le persone. Il volontariato con i suoi valori è il soggetto che più sta facendo per tenere unito un Paese disgregato”.

“Abbiamo contribuito negli anni -ha detto il presidente della Fvp Alessandro Bianchini- all’elaborazione culturale del Festival, mettendo a disposizione di tutta la rete del Cnv le ricerche e gli approfondimenti, consapevoli che per far crescere nella società i suoi valori fondanti, il volontariato ha bisogno di stimoli culturali e scientifici costanti. Capire come la società vede e interpreta il volontariato è necessario se vogliamo che le associazioni si radichino nelle comunità e le tengano unite, permettendo a tutte le generazioni, ma in particolare ai giovani, di svolgere questa fondamentale esperienza umana”.

“Ancora una volta -ha affermato il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini- Lucca diventa un punto di riferimento nazionale per il volontariato e la cultura della solidarietà, proponendo un evento unico nel suo genere che è nato e cresciuto in città. Da quando si svolge in piazza, il Festival riesce ancora di più a canalizzare attenzione e partecipazione e siamo lieti che in questo fine settimana Lucca presenti anche il suo volto più bello: quello solidale, quello che si rimbocca le maniche per gli altri, quello delle tante associazioni senza le quali il benessere della nostra città non sarebbe lo stesso”.


Il programma culturale

Anche per il 2019 saranno tanti gli ospiti di rilievo che animeranno i convegni. Il via venerdì 10 maggio alle 9 con la cerimonia di inaugurazione e alle 10 il primo evento: ci sarà il prete fondatore e presidente della Comunità Progetto sud in Calabria Giacomo Panizza che terrà una lezione sul tema “Volontariato è legalità”. Seguirà un convegno sul tema delle povertà con la sociologa Chiara Saraceno, la statistica sociale Linda Laura Sabbadini, la dirigente della Regione Toscana Paola Garvin e il responsabile area nazionale di Caritas Francesco Marsico. Spazio anche ai temi della donazione del sangue, con un iniziativa di Avis Toscana, al turismo accessibile, con un convegno in collaborazione con la Fondazione Campus, al welfare di comunità -sarà presente, tra gli altri, il direttore del Terzo settore del ministero del Lavoro Alessandro Lombardi-. Nel pomeriggio di venerdì focus sul tema dell’integrazione dei migranti con la presenza, fra gli altri, del “medico di Lampedusa” Pietro Bartolo e dell’ex sottosegretario agli interni Domenico Manzione.

Sabato 11 maggio partirà subito con un’iniziativa dedicata ai giovani e vedrà coinvolti i 130 ragazzi che fanno servizio civile nei progetti coordinati da Centro Nazionale per il Volontariato. Si parlerà del servizio civile universale e del corpo europeo di solidarietà con ospiti la parlamentare europea Silvia Costa e Titti Postiglione, dirigente del servizio comunicazione del Dipartimento per le politiche giovanili e servizio civile. Durante tutta la giornata ci saranno eventi dedicati alla protezione civile con la presenza dell’assessore regionale Federica Fratoni e un convegno il pomeriggio accreditato per la formazione dei giornalisti e dedicato al tema “L’emergenza di comunicare”. Spazio anche alle disabilità con un dibattito dedicato al dopo di noi che vedrà ospite anche l’assessore regionale al welfare Stefania Saccardi e il consigliere per la cooperazione internazionale e per i diritti delle persone disabili della Regione Massimo Toschi. Sempre nel pomeriggio focus sui temi del volontariato carcerario con un convegno dal titolo “La certezza del recupero” a cui interverranno, tra gli altri, l’ex Presidente del Tribunale di Sorveglianza di Bologna Francesco Maisto e il presidente del Centro Padre Nostro Palermo Maurizio Artale, nonché un evento di Aism sulla sclerosi multipla.

Domenica 12 maggio la giornata conclusiva che sarà prevalentemente dedicata ai minori. Al mattino con il convegno “Una funzione imprescindibile: i garanti per l’infanzia” con la presenza, fra gli altri, del presidente del Consiglio Regionale della Toscana Eugenio Giani e della Garante per l’infanzia e adolescenza della Regione Camilla Bianchi di recente nomina. Nel pomeriggio con iniziative di animazione e giochi in piazza.

Una città animata, colorata e sorridente

Sono decine e decine le attività che le associazioni partecipanti al Festival organizzano nella tre giorni. Dalla consueta Staffetta della Solidarietà che partirà venerdì 10 da Lido di Camaiore alla marcia dei volontari che si svolgerà domenica pomeriggio partendo da Piazza Napoleone. Non mancherà il flashmob “ricucire col sorriso”: i volontari del servizio civile con l’associazione Ridolina riempiranno Piazza Napoleone sabato 11 alle 13 e creeranno un ponte con il Festival della Risata che si svolge negli stessi giorni: i due festival hanno deciso di intrecciare le loro iniziative promuovendo insieme i dibattiti sulla comicità -che vedranno ospiti del Festival della Risata venerdì 10 maggio i curatori di spinoza.it e il comico Raul Cremona- e ospitando nella piazza del volontariato alcune performance del contest “Comici allo sbaraglio”. Ma la lista delle attività che si terranno in Piazza Napoleone è infinita e prevede anche un percorso “esperienziale” in un campo dimostrativo di protezione civile, organizzato dal Coordinamento delle associazioni di protezione civile che sarà allestito sul lato di via Vittorio Veneto e aperto al pubblico. Ci sarà poi lo sport con la scherma, la ginnastica ritmica, l’attività fisica adattata e la ginnastica motoria lieve, favole e letture ad alta voce e dimostrazioni per gli amici a quattro zampe. Nello spazio dedicato ai mezzi espositivi ci sarà il cardiocamper dell’associazione Amici del Cuore e il camper Avis per informazioni sulla donazione del sangue. Per tutta la durata dell’evento sarà presente il furgone di RadioStar che trasmetterà dal Festival ospitando interviste e speciali dedicati alle associazioni.

Il Festival del Volontariato conta sull’adesione di circa 100 realtà fra sponsor, espositori, enti che collaborano o patrocinano e mediapartners. E’ raccontato sui social con hashtag #fdv2019 e #ricucire. Il programma completo e tutte le informazioni sul sito www.festivalvolontariato.it.

@VolontariatOggi

Print Friendly