Sei leoni a Cannes per Coor Down e la Campagna Dear Future Mom

Un bambino da sindrome di down

Un bambino con sindrome di down

GENOVA. Si è concluso ieri sera il Festival Internazionale della Creatività di Cannes e per il film di CoorDown, realizzato dall’agenzia Saatchi & Saatchi in occasione della World Down Syndrome Day, il bottino è di due Leoni d’Oro, tre Argenti e un Bronzo. Nelle ultime e consecutive tre edizioni del festival, CoorDown ha vinto 17 leoni, di cui 9 d’oro. Per il terzo anno consecutivo, il Festival ottiene uno straordinario riconoscimento al Festival Internale della Creatività, il più importante appuntamento mondiale del settore.La campagna Dear Future Mom, realizzata in collaborazione con l’agenzia di pubblicità Saatchi & Saatchi in occasione scorsa  Giornata Mondiale sulla sindrome di Down.

I vincitori delle scorse edizioni – Coor Down in tre edizioni del Festival, ha ricevuto 17 Leoni di cui 9 d’oro grazie all’agenzia Saatchi & Saatchi. L’anno scorso, con #Dammipiùvoce, 50 ragazzi e ragazze con sindrome di Down avevano chiesto a 50 personaggi famosi di donare loro un video. L’evento fu un grande successo e Cannes vinse 1 argento e 2 bronzi. Con il progetto”Integration Day”, svolto nel 2012, gli attori di alcune delle più importanti campagne nazionali e internazionali – Averna, illycaffè, Cartasi, Pampers, Toyota ed Enel – furono sostituiti da attori con Sindrome di Down e durante la Giornata Mondiale sulla sindrome di Down fu mandata in onda la versione “alternativa” degli spot. Il progetto vinse sette Leoni d’oro, il più grande risultato mai raggiunto.

Edizione 2014 – Quest’anno, il Coor Down si è fatto capofila di un progetto internazionale di cui hanno fatto parte dieci associazioni di nove paesi diversi: Italia, Francia, Spagna, Croazia, Germania, Inghilterra, Russia, Stati Uniti e Nuova Zelanda. La regia del film è di Luca Lucini, che è riuscito con  un buon lavoro a cogliere aspirazioni e potenzialità dei partecipanti: Alessia, Emma, Lena, Mila, Andrea P., Andrea F. e Andrea R. dall’Italia, Ines, Romain e Segolene dalla Francia, Maria e Nico dalla Spagna,Sarah dall’Inghilterra e Anamarija e Zdravko dalla Croazia.

L’idea creativa di Dear Future Moon,  è nata da da un’email che una mamma preoccupata, in attesa di un figlio con sindrome di Down, ha scritto un po’ di tempo fa al CoorDown: “Che tipo di vita potrà avere mio figlio?”, si è chiesta la donna. A rispondere a lei, e allo stesso tempo a tante altre mamme, sono stati i “piccoli attori” (bambini, adolescenti e adulti con sindrome di down ) , che nel film fanno vedere perchè la vita di suo figlio potrà essere felice.
La felicità di un genitore passa attraverso la felicità dei figli; ma il benessere di un figlio con sindrome di Down dipende anche dall’inclusione nella società e dalla possibilità di esercitare i propri diritti.

Print Friendly

Commenti

  1. […] video realizzato da CoorDown in occasione della Giornata mondiale sulla sindrome di Down ha fatto incetta di premi al Festival internazionale della creatività di […]