??????????

Volontari dell’arte, troppo statalismo – #RassegnaStampa

I volontari attivi nell’ambito dei beni culturali accolgono migliaia di visitatori accompagnandoli nei loro tour artistici. Ma non tutto è come dovrebbe. Il racconto del Corriere della Sera. Ieri il sottosegretario Luigi Bobba ha annunciato delle modifiche alle leggi dell’impresa sociale. Su Repubblica un dossier di Ilvo Diamanti sull’inquetudine data dai migranti alle nostre società.

Impegno Arte e ambiente, 800 mila volontari «L’ostacolo è il forsennato statalismo» sul Corriere della Sera di Paolo Conti
I volontari ruotano intorno ai beni del Fondo accogliendo i visitatori e accompagnandoli nelle loro visite. Nelle giornate Fai si aggiungono altri 5.000 volontari: e poi ancora, guardando alle nuove generazioni, ecco l’esperimento-pilota, che stare gistrando un costante successo, dei 35 mila studenti «apprendisti ciceroni» impegnati come guide durante le aperture straordinarie. Una palestra di conoscenza e di capacità di comunicare con gli altri. […]

Quelle imprese nate sui terreni confiscati dalla  mafia su Avvenire di Antonio Maria Mira
Il Policoro sempre più in prima linea accanto ai giovani che, con concreti progetti di lavoro, operano contro il potere e la “non cultura’ mafiosa. In particolare per la gestione e valorizzazione dei beni confiscate ai clan. Iniziative che funzionano e disturbano molto le mafie che reagiscono con attentati e intimidazioni. […]

L’impresa sociale torna in sella in Parlamento su Avvenire di Andrea Di  Turi
Potrebbe riprendere in questi giorni il suo cammino parlamentare la legge delega per la Riforma del Terzo settore. Ad annunciarlo è stato ieri il sottosegretario alWelfare, Luigi Bobba, all’incontro organizzato dall’Università degli Studi di Milano Bicocca per discutere in particolare della revisione della legge sull’impresa sociale, che costituisce uno dei punti più qualificanti, e dibattuti, dell’intero impianto della riforma. «Il presidente della commissione Bilancio del Senato – ha detto Bobba comunicherà domani (oggi per chi legge, ndr) i pareri della sua commissione, coi quali sarà possibile poi procedere con la discussione nella commissione Affari Costituzionali, che è la commissione di merito, forse già domani stesso o mercoledì»[…]

La sindrome dell’assedio su Repubblica di Ilvo Diamanti
Un tempo neppure tanto tempo fa, l’immigrazione appariva la principale causa delle nostre paure. Agitate da alcuni attori politici. Moltiplicate dai media. Ma oggi lascena sembra cambiata. Certo, gli immigrati generano ancora inquietudine. Ma non evocano più, come prima, “il” nemico che incombe. Perché sono qui e proiettano la loro immagine sui media. Il III Rapporto redatto da Carta di Roma mostra come l’immigrato sia divenuto un personaggio comune del nostro paesaggio “sociale’ e “mediale”.

Commissione Ue: impronte ai rifugiati anche con la forza su Sole 24 Ore di Beda Romano
La Commissione europea pubblicherà oggi un atteso rapporto sullo stato dell’arte nei centri di accoglienza per i rifugiati provenienti dal Vicino Oriente e dal Nord Africa situati in Italia. Secondo le informazioni raccolte qui a Bruxelles, l’esecutivo comunitario dovrebbe chiedere, tra le altre cose, l’uso della forza nel raccogliere le impronte digitali dei profughi, in una relazione che secondo un alto responsabile europeo si vuole «una analisi obiettiva, asettica». […]

@VolontariatOggi

Print Friendly