Voucher asili nido, Legacoopsociali: “Notizia confortante, coop sociali faranno la loro parte”

ROMA. Negli anni della crisi la frequenza al nido è stata fortemente penalizzata dall’impoverimento delle famiglie anche laddove era presente un’offerta diffusa sul territorio per questo l’annuncio del Ministro dell’Economia Gualtieri sull’anticipazione a gennaio 2020 e sull’ampliamento della platea che potrà usufruire del voucher per il pagamento del nido è una notizia molto confortante anche nella direzione di riconoscere al servizio nido la piena dignità nel sistema educativo del nostro paese.

Da più parti si reclama la carenza di offerta educativa al fine di rendere effettivamente esigibile il diritto all’educazione alle bambine e ai bambini. Legacoopsociali ritiene che investire nello sviluppo di un sistema di offerta di servizi educativi qualificato, plurale e integrato che tenga conto di differenti esigenze e contesti culturali, sociali ed economici sia un presupposto fondamentale a garantire il reale esercizio del diritto. A tal fine riteniamo importante vincolare l’utilizzo del voucher verso strutture qualificate e accreditate presso la Pubblica Amministrazione.

Le cooperative sociali sono pronte a fare la loro parte – dichiara la presidente nazionale Eleonora Vanninell’ambito di una comunità educante che richiama una pluralità di soggetti ad assumersi la responsabilità dell’educazione dei nostri bambini e bambine in un sistema circolare che collega conciliazione lavoro-famiglia per donne e uomini, opportunità lavorative da cogliere, miglioramento delle condizioni di reddito delle famiglie, qualità e affidabilità dei servizi in un sistema evoluto di accreditamento e monitoraggio costante e competente

@VolontariatOggi

Print Friendly